Menu
A+ A A-

RPT: BENE IL DL MAGGIO SU ECOBONUS E SISMABONUS, MA SERVONO ANCORA PASSI IN AVANTI

Il prossimo DL Maggio che il Governo si appresta ad emanare, stando alle conferme arrivate direttamente dal Ministro del Mise Stefano Patuanelli, conterrà un significativo rafforzamento delle agevolazioni ecobonus e sismabonus, in particolare la maxi detrazione del 110% e la possibilità di usufruire immediatamente dello sconto in fattura.

A questo proposito, la Rete Professioni Tecniche esprime soddisfazione per il fatto che, a quanto pubblicato sulla stampa, siano state accolte alcune delle richieste che, su questo tema, l’organismo che rappresenta i professionisti tecnici italiani aveva avuto modo di avanzare nel corso di numerosi interventi pubblici e confronti istituzionali, tra cui quelli che hanno preceduto l’emanazione del cosiddetto Decreto Milleproroghe dello scorso anno, ed anche in occasione dell’iter di conversione in legge del recente DL Liquidità.

Detto questo, la Rete sottolinea come ci siano ulteriori passaggi ancora da realizzare, inserendo nel DL Maggio altre proposte della Rete, che consentirebbero un più semplice e rapido accesso ai contributi, alcune delle quali sono in attesa da molto tempo.

Ad esempio, prevedere la frazionabilità della cessione del credito d’imposta a più fornitori, che consentirebbe ai professionisti di rilevare il credito d’imposta corrispondente alla propria prestazione senza dover acquistare l’intero credito generato anche dai lavori. Includere, inoltre, tra gli interventi l’adozione di misure antisismiche, anche la classificazione e verifica sismica degli edifici, consentendo, così, di accedere al sismabonus immediatamente, senza attendere l’esecuzione dei lavori. Consentire, poi, che l’opzione per lo sconto in fattura, nel caso di condomini, sia deliberato dall’assemblea e non dai singoli condòmini, semplificando ed accelerando le procedure. Infine, ampliare la possibilità di aderire al sismabonus anche per interventi eseguiti su procedure edilizie iniziate prima dell’entrata in vigore delle norme.

I professionisti tecnici italiani, inoltre, chiedono un intervento deciso al fine di armonizzare e uniformare gli incentivi fiscali per l’edilizia, favorendo e agevolando quegli interventi finalizzati complessivamente al miglioramento e adeguamento sismico, all’efficientamento energetico e al decoro dei fabbricati esistenti, uniformando la percentuale di incentivo al 110%, prevedendo l’ammortamento in 5 anni e il tetto di spesa in 200.000 euro per ogni unità immobiliare.

I provvedimenti attuali e quelli ancora da perfezionare vanno poi inquadrati in un piano generale di prevenzione del rischio sismico la cui richiesta, negli ultimi tempi e nelle più diverse sedi, la Rete ha più volte reiterato. Tale piano tende ad ottimizzare gli effetti positivi del sismabonus.

In questo senso, la RPT resta a disposizione per ogni interlocuzione istituzionale che possa contribuire alla soluzione delle problematiche ancora irrisolte.